Chioggia-Sottomarina LOGO

Strutture ricettive consigliate

 Villaggio
   Camping Europa

Hotel Edison






IL MARE - Divulgazione - Di Piero Mescalchin

 

Ai Genitori

Da quasi quarant'anni faccio attività subacquea in alto Adriatico, principalmente nel mare antistante la città di Chioggia dove, con il nome “Tegnùe”, vengono indicate numerose rocce che affiorano dai sedimenti. La zona più estesa e più elevata è proprio davanti alla città di Chioggia.

La quantità di vita, la ricchezza delle specie erano incredibili; da allora ho continuato ad immergermi in questi luoghi per me sempre affascinanti e ho continuato ad osservare l'evoluzione della vita anche nei momenti di crisi più o meno naturali di questo mare.

Nel 1988 mi sono fornito di una telecamera e ho cominciato a documentare quello che vedevo sul fondo. Ho incontrato innumerevoli specie di pesci e di crostacei: dal comunissimo astice ai branchi di delfini, da uno storione di 2 metri di lunghezza al pesce luna, dalle testuggini ai tonni che saltavano fuori dall'acqua.

Le Tegnue, queste oasi di roccia in mezzo al mare, sembravano paradisi terrestri. Questo mare spesso bistrattato è stato per me in tanti anni una continua meravigliosa scoperta. Ho avvicinato i mie figli al mare e all'attività subacquea sin da piccoli, insegnando loro la tecnica dell'immersione ritenendo questo sport più sicuro di tanti altri, richiedendo solo una sufficiente capacità natatoria e un corretto stile di vita che è importante soprattutto per i giovani.

Attraverso gli anni e la certezza di un continuo degrado di questo straordinario ambiente a molti sconosciuto, ma purtroppo ben noto a chi lo sfrutta, si è andata delineando nella mia mente l'idea della necessità di proteggere questa zona che, pur avendo subito azioni depauperatrici da parte sia della natura (alghe e crisi anossiche), sia dell'uomo (pesca indiscriminata e scarico di immondizie), sempre ha avuto la forza di riprendersi e di rigenerarsi grazie alla particolare posizione geografica e alla ricchezza di nutrienti.

Nel frattempo è migliorata la sensibilità della gente, diventata molto più consapevole di un tempo della necessità di mantenere e proteggere i patrimoni naturali, a vantaggio di tutti. Ho cominciato a raccogliere materiale di ricerche di geologia e biologia che ne dimostrasse la valenza, unendole al mio materiale fotografico e soprattutto video.

Ho partecipato ad incontri per far conoscere agli altri le bellezze del nostro mare e non ho mai rifiutato proiezioni su invito di associazioni sportive e culturali, così come ho organizzato serate pubbliche con rassegne di video dedicati al mare. Ho offerto materiale audiovisivo in più occasioni a tutte le reti televisive nazionali, auspicando la creazione di una zona protetta davanti alla città di Chioggia.

Questa città, i suoi cittadini, i pescatori, il Sindaco e la giunta comunale tutta hanno ottenuto proprio questo dalle autorità competenti: il 5 agosto 2002 la zona delle “Tegnue di Chioggia” con decreto ministeriale viene dichiarata Zona di Tutela Biologica.

Ho la certezza che solo attraverso la visione e la conoscenza si possa amare e rispettare.

Piero Mescalchin

Presidente - Associazione “Tegnue di Chioggia”

Il gruppo divulgativo nelle scuole

Nel 2004 si è costituita la sezione divulgativa nelle scuole dell’Associazione “Tegnùe di Chioggia”, formata da biologi e naturalisti. L’obiettivo principale della sezione è quello di divulgare la conoscenza dell’ambiente “Tegnùe” a tutti: club subacquei, cittadini interessati, turisti, ma soprattutto alle scuole.

Gli incontri si svolgono in aula e sono organizzati in tre sezioni.

La prima parte riguarda la spiegazione tramite diapositive dei seguenti argomenti:

• cosa sono le Tegnùe e dove si trovano

• come si sono formate ed evolute

• come sono al giorno d’oggi

• quali sono gli organismi che le abitano (popolamenti di fondo, incrostanti e ittici)

• quali sono gli studi sinora effettuati e gli studi in corso per conoscerle sempre più

• come devono essere protette (Zona di Tutela Biologica)

• cosa può fare ciascuno di noi per la loro salvaguardia, la collaborazione dei volontari

(il lavoro subacqueo)

La seconda è caratterizzata dalla visione di un filmato, della durata di circa 15 minuti, che fa vedere e conoscere tutto ciò che è stato spiegato nella prima sezione: gli organismi nel loro ambiente, come si muovono, come interagiscono tra di loro e con l’ambiente circostante, come e cosa mangiano, in poche parole come vivono.

La terza è dedicata alle domande e curiosità da parte di chi ha ascoltato la lezione, utile per chiedere approfondimenti e scambiare opinioni.

Gli incontri vengono tarati sulla base dell’età degli ascoltatori e del loro background.

Ad ogni classe incontrata vengono lasciati poster rappresentativi dei vari ambienti delle Tegnùe, adesivi con il logo dell’Associazione Tegnùe di Chioggia, depliant divulgativi.

L'obiettivo di tale lavoro è quello di approfondire la conoscenza di un ambiente marino così vicino a noi, ma così poco conosciuto, attraverso un'informazione che ha l'intento di destare curiosità e responsabilità per l'ambiente in genere e per le Tegnùe in particolare. Ci rivolgiamo agli alunni delle scuole, convinte che la sensibilità per l'ambiente debba essere un cardine dei nuovi programmi ed un obiettivo scolastico fondamentale, mirato a formare cittadini consapevoli e partecipi.

Per ulteriori informazioni, richieste e proposte di collaborazione: divulgazione@tegnue.it